L'OPERA ITALIANA FRA SETTECENTO E ROSSINI

Mercoledì 28 dicembre 2016 ore 20.30
Musiche di Christoph Willibald Gluck, Tommaso Giordani, Gioachino
Rossini, Florian Leopold Gassman, Wolfgang Amadeus Mozart, Antonio Salieri
Pietro Spagnoli, baritono
Giulio Zappa, pianoforte

Pietro Antonio Arcangelo Spagnoli, baritono romano, classe 1964, sembra avere un destino barocco già all'anagrafe. La sua biografia racconta delle prime entusiasmanti esperienze nel Coro della Cappella Sistina, dove milita fino alla muta della voce, esibendosi più volte sotto la direzione di Padre Domenico Bartolucci alla presenza di Paolo VI. Lo ritroviamo in Vaticano e a Santa Cecilia a educare la prorompente voce baritonale, poi al Coro della Rai e l'affinamento con una grande maestra, Mirella Solenghi Ronconi. Quindi, vinto a soli 22 anni il Concorso Giovanni Battista Pergolesi di Roma, lo vediamo prendere il volo per una straordinaria carriera solistica che lo porta ad esibirsi in tutti teatri del mondo nel repertorio classico belcantistico, con punte d'eccellenza in Rossini, di cui è considerato fra i maggiori interpreti. Con la complicità del pianista monzese Giulio Zappa (già allievo di Irwin Gage) eccolo impaginare un affascinante recital costruito fra barocco e classicismo, con gli highlight vocali di Gluck, Gassman, Giordani, Haydn, Salieri, Mozart, fino a spingersi al Rossini di due arie da concerto e quella di Don Magnifico dalla Cenerentola.

Acquista Biglietti