Utilizziamo cookie tecnici e analitici e, previa manifestazione del consenso, cookie di profilazione di terze parti, per consentire la fruizione ottimale del sito.
Per prestare il consenso, premere [OK]. Per maggiori informazioni o negare il consenso, [LEGGERE QUI].

ok

CAFFE' ZIMMERMANN


Giovedì 11 ottobre ore 20.30

Teatro Rossini

Johann Sebastian Bach

CAFFE' ZIMMERMANN

Cantata "Non sa che sia dolore" per soprano, traverso e archi BWV 209

Concerto per cembalo e archi in re maggiore BWV 1052

Kaffekantate BWV 211

Soprano: Francesca Boncompagni

Tenore: Raffaele Giordani

Basso: Salvo Vitale

Direttore: Rinaldo Alessandrini

CONCERTO ITALIANO

Conoscendo la biografia e le grandi opere sacre di Johann Sebastian Bach, la sua profonda religiosità ed il suo attaccamento alla famiglia (ebbe venti figli da due mogli) viene naturale da chiedersi: Bach era un tipo tutto casa e chiesa? La risposta è no, non proprio. Sarebbe meglio dire che Bach era “tutto casa, chiesa e... Caffè Zimmermann”. Sì, perché frequentava moltissimo la celebre caffetteria di Lipsia ritrovo della classe media maschile, la più grande e la più rinomata, dove alle donne era consentito prendere il caffè ma non assistere ai concerti, situata in un palazzo barocco al numero 14 di Catharinenstrasse, la via più elegante della città, poi interamente distrutto da un bombardamento nel 1943. Il suo proprietario Gottfried Zimmermann non faceva pagare il biglietto per i concerti che vi si allestivano, ed i costi erano ammortizzati dal consumo del caffè degli avventori. Bach amava trascorrervi molto del suo tempo e spesso comporre e provare la maggior parte dei suoi concerti per clavicembalo e orchestra e delle sue cantate profane, fra cui quella in italiano “Non sa che sia dolore”per soprano, traverso e archi BWV 209 e la celebre Kaffekantate (Cantata del Caffè) BWV 211. Entrambe le si possono ascoltare integralmente dalla voce del soprano Valentina Varriale, del tenore Raffaele Giordani e del Concerto Italiano diretto da Rinaldo Alessandrini, oltre al più celebre dei Concerti per clavicembalo e archi, quello in re maggiore BWV 1052.


Acquista Biglietti

Carnet Biglietti Teatro Rossini

27/28/30 settembre – 7 ottobre – 11/14 ottobre

Carnet 4 Carnet 6 Carnet 8 Carnet 10 Carnet 12
Platea e Palco 27 25 24 22 20
Galleria 23 22 20 19 18
Loggione 15 14 13 13 12

 

29 settembre – 4/5/6/12/13 ottobre

Carnet 4 Carnet 6 Carnet 8 Carnet 10 Carnet 12
Platea e Palco 23 22 20 19 17
Galleria 20 18 17 16 15
Loggione 13 12 11 11 10

 

Carnet Biglietti S.Onofrio

29/30 settembre – 6/7 ottobre – 13/14 ottobre

Carnet
Posto Unico 45

Volendo assistere a più spettacoli in programma al Teatro Rossini, si può acquistare un Carnet di biglietti a tariffa scontata.

I Carnet includono 4-6-8-10-12 spettacoli diversi fra loro, a propria scelta, anche in settori diversi fra data e data, con sconti progressivi secondo il numero di biglietti acquistati.


Per esempio, Carnet 4: platea 27 settembre, 27 € + platea 29 settembre, 23 € + galleria 7 ottobre, 23 € + galleria 12 ottobre, 20 € per un totale scontato di 93,00 € (anziché 109 € a prezzo intero).


I Carnet sono in vendita esclusivamente presso la biglietteria del Teatro Rossini, a partire dal 27 agosto.

Possono essere prenotati telefonicamente o per e-mail.